NAMING _ LO STAI FACENDO SBAGLIATO.

Creazione Nomi Aziendali

Servizio di Creazione Nome per la tua Azienda. Soddisfatti o Rimborsati.

http://www.logopro.it/creazione-nome/offerta-naming.php

L’argomento di oggi è il Naming, ma invece di mostrarvi dei casi positivi, vi porteremo degli esempi di Naming disastroso! Che succede quando la scelta del nome non è fatta a modo?

 

Gerber: E’ un azienda americana di prodotti alimentari per bebè. Il nome apparentemente è innocuo, sfortuna vuole che in Francia questa parola significhi “traboccare” o “vomitare”. Sbagliato!!

Coca Cola: ha acquisito nel 2006 il gruppo italiano di acque minerali “Traficante”, che in Spagna (ma un pò anche in Italia) significa “commerciante di stupefacenti”…

Vw Jetta: nome triste, si associa inconsapevolmente a “Jella”. In Italia non ebbe grande successo, chissà perché!

Ford Escort: dopo i fatti degli ultimi anni legati alla politica, questo nome è decisamente da evitare!

Fiat Ritmo: nei paesi di lingua inglese dovette cambiare il nome in “Fiat Strada”: “Ritmo” assomiglia troppo a “rythme” che è la parola inglese per “ciclo mestruale”..

Chevy Nova: casa Chevrolet, dovette subito cambiare il nome in CARIBE: “NOVA” in spagnolo suona come “no va” = non funziona.

 

Ikea: non parleremo del nome “Ikea”, che è irreprensibile, ma dei nomi improbabili che danno ai loro prodotti! E’ ammirevole il fatto che pretendano di mantenere I nomi originali svedesi, denota attaccamento alla patria e una certa dose di coraggio! Possiamo anche dire che ce l’hanno fatta, ormai la clientela si è abituata e affezionata ai nomi impronunciabili dei prodotti Ikea! Però diciamolo, certe volte si esagera!! Per chi non avesse mai avuto il piacere di trattare con la lingua svedese: è una lingua che presenta un esubero di consonanti, e le differenze fra scritto e parlato sono notevoli (tanto per dirne una: nel parlato certe consonanti diventano vocali. Giuro!). Vediamo un pò che effetto hanno I nomi Ikea fuori dai confini svedesi.

Fra gli accessori Ikea, grande spazio viene dedicato alla cucina, quindi pentole e piatti e posate eccetera. Una su tutte però si innalza ad un livello superiore grazie al suo nome di ispirazione wagneriana:  “KAVALKAD”.

Curare i propri momenti relax da soli o in compagnia è un punto di forza della società attuale ed allora cosa offre Ikea? Nelle serate casalinghe il the verrà servito con una teiera VÄRME (pron. verme), le poltrone dove prendiamo posto si chiamano SKRUVSTA (?) e la rassicurante lampada che illumina amorevolmente le nostre letture serali si chiama BOJA!

Passando al reparto infanzia c’è poco da stare allegri: immaginate una giovane mamma spagnola intenta a dare la pappa al proprio pargolo servendosi di un set dal nome “MATA”  (spagn: uccidi)..

Tornando in Italia, troveremo una premurosa mamma che affida il suo piccolo ad un carrello primi passi dal nome “EKORRE”….(e speriamo che non corra troppo..)

Gli esempi sono tantissimi, dalla difficoltà di pronuncia alle evocazioni strambe!

Si pensi al paralume ALVINE PÄRLA : per chi vive da solo, qualcuno (qualcosa?) con cui parlare fa sempre piacere..

Oppure alla scarpiera STALL, il cui accostamento a “stalla” è olfattivamente poco incoraggiante….

C’è stato credo un unico caso in cui Ikea ha abbassato le armi e accettato di cambiare il nome di un prodotto: il carrello FARTFULL. Per chi non sapesse l’inglese: Fart = puzzetta, Full = pieno. Immagino non servano ulteriori commenti..!

Per un Naming ben fatto potete fare affidamento su Logopro, questi inconvenienti non sono contemplati! Visita il sito alla sezione dedicata!

 

Alla prossima!

Angela

Click here to submit your review.


Submit your review
* Required Field

27 luglio 2012

2 Commenti a “NAMING _ LO STAI FACENDO SBAGLIATO.”

  1. Io credo che il nome sia molto importante, purtroppo con mio grande rammarico sono uno di quelli che ha scelto il nome della propria azienda senza un piccolo brainstorming e mi accorgo che molti dal nome aziendale non riescono a identificare il settore merceologico in cui lavoro. Ora sto cercando di lavorare ai fianchi questo problema costruendo una brand reputation online che possa ovviare al naming fatto frettolosamente.

  2. admin scrive:

    Questo è un altro esempio reale dell’importanza del Naming. Nel caso di cui sopra, Logopro si sta occupando di rinfrescare il logo, operazione che aiuta ma da sola potrebbe non bastare. A livello di Naming puro, quando il nome dell’azienda non basta ad identificarne l’attività, si consiglia di affiancare uno slogan, che sia ragionato e centrato. Poche parole pensate che soddisfano la curiosità del cliente e lo invitano ad approfondire la conoscenza dell’azienda.

Lascia un Commento

Iscriviti ai Feed RSS dei commenti di questo post.