Costruzione del logo: le griglie

Servizio di Grafica Professionale

Grafica Pubblicitaria per Aziende in 3 giorni, Soddisfatti o Rimborsati.

www.logopro.it/servizi-grafica.php

Avete mai sentito parlare di griglie per la costruzione di un logo? Possono veramente esserci utili quando andiamo a progettare un logo?

Nel graphic design è pratica comune utilizzare delle linee guida per creare dei design armoniosi ed equilibrati e questa pratica può essere utilizzata anche nella realizzazione di un logo.

Nello specifico le griglie sono strutture bidimensionali fatte di linee verticali, orizzontali e/o diagonali e curve utilizzate per strutturare il contenuto e diventano il riferimento razionale per l’organizzazione del testo e delle immagini. Stabiliscono le misure, le proporzioni e le distanze esatte tra gli elementi grafici. 

Le origini della griglie risalgono agli architetti e pittori antichi, greci, egizi e maya, i quali basavano le loro  costruzioni e strutture sul rapporto aureo. Questa proporzione deriva da una profonda osservazione della natura; alcuni elementi della natura come il guscio di una lumaca, il corpo umano, gli alveari, alcuni fiori e foglie sono dotati di una naturale armonia in forme e proporzioni e tutti rispondono ad una comune formula matematica.

Per quanto riguarda il logo design possiamo partire da uno svariato numero di possibili griglie, oltre alla sezione aurea è comunemente utilizzata la regola dei terzi, nota in ambito fotografico oppure semplicemente l’intersecazione di colonne e righe. In alternativa, per ampliare il potenziale creativo, si possono costruire griglie personalizzate composte da figure geometriche e curve.

Due noti esempi di loghi costruiti con le griglie sono Shell e Apple:

 

Pro nell’utilizzo delle griglie:

- Migliore organizzazione degli spazi nella fase di progettazione, con la conseguenza di poter realizzare facilmente un logo equilibrato ed armonioso.

- Maggiore possibilità di creare un logo senza tempo, dalle forme semplici, classico.

- Buona base per la creazione di un logo versatile, visibile e chiaro anche in dimensioni ridotte.

 

Contro nell’utilizzo delle griglie:

- Possibilità di rimanere “incastrati” nella griglia, ovvero non riuscire ad uscire dagli schemi e perdere parte del processo creativo

- Perdersi nella natura matematica della griglia e realizzare una figura geometrica complessa piuttosto che un vero logo.

- Creare delle griglie efficaci e personalizzate non è cosa facile e potrebbe richiedere molto tempo.

 

Concludendo ci sentiamo di dire che il processo di realizzazione di un logo è molto soggettivo, creativo ed artistico e che quindi l’ultima parola deve andare al grafico :)

Voi cosa ne pensate?

A presto,

Lisa

 

 

14 giugno 2016

Lascia un Commento

Iscriviti ai Feed RSS dei commenti di questo post.